Riflettere sul Coronavirus: un microfono aperto

Per sentirsi meno soli, per riflettere insieme, per condividere paure e rabbie, per essere solidali attraverso la radio: inviateci brevi audio, che verranno mandati all’interno del nostro “rullo”. Un modo per alternare lo svago musicale ai pensieri che, in questi giorni, ci accomunano tutti.

Ciao a tutte e tutti

visto che stiamo vivendo un periodo piuttosto difficile ma che deve anche portarci a riflettere in modo critico, sarebbe buono e utile condividere pensieri riflessioni, anche per via radiofonica. Vi chiediamo di registrare un audio riguardo ciò che stiamo passando e inviarlo per email a info@radiotandem.it. Altrimenti potete registrarlo direttamente su Skype, mandarci un messaggio vocale su Facebook Messenger o un vocale via whatsapp al numero di Radio Tandem, 0471 970084 (se leggi dallo smartphone clicca qui).

Nella registrazione sarebbe da seguire il seguente scaletta:

  • presentazione (nome, di dove sei o dove abiti, età, cosa fa nella vita) e giorno in cui registra (ad es: oggi è martedì 20 marzo ecc..)
  • Riferire come si sono vissuti i provvedimenti presi dal governo e che hanno modificato la propria quotidianità, specificando se ti trovi all’estero e cosa questo abbia eventualmente comportato.
  • Come è cambiata la propria quotidianità (cosa si fa nel tempo trascorso a casa, se si continua a lavorare e magari in quale ambito), i propri pensieri, riflessioni, paure su ciò che si sta vivendo, gli errori che secondo vengono fatti, cosa vedi intorno a te, se paura, menefreghismo o altro, cosa sarebbe meglio fare o non fare secondo te ecc.

Sentitevi liberi di realizzare il vostro contributo nella lingua che preferite. L’audio verrà poi trasmesso sulle frequenze di Radio Tandem, ascoltabile via radio sui 98.4 FM o via streaming su radiotandem.it.

Condividi e fai girare!
Grazie mille.

Donne in Tandem: il podcast!

Nel corso del 2019 Radio Tandem ha collaborato più volte con Non una di Meno, un percorso femminista e femminile che negli ultimi anni ha saputo aggregare tante e tanti: prima ha invitato il Movimento alla VolxsfestA, per farsi conoscere dal vivo e attraverso la radio; poi la Radio ha fatto una diretta all’inaugurazione della mostra Manifesti Femministi.

Da queste esperienze è nata la voglia di tornare ad avere uno spazio femminista all’interno della Radio, e quale migliore occasione dell’8 marzo per parlarne pubblicamente?
Purtroppo, la diffusione del coronavirus e le diverse indicazioni ministeriali hanno portato alla sofferta decisione di cancellare l’evento pubblico, mantenendo però la parte di contenuti radiofonici concordati con diverse ospiti. Ecco quindi gli estratti della diretta dell’8 marzo: Donne in Tandem!

L’inizio della diretta: telefonata con Francesca

La diretta di Radio Tandem dedicata alle donne per la giornata dell’8 marzo vede ai microfoni Verena, Sarah, Alessandra e Michela, che iniziano intervistando al telefono Francesca Depretis, educatrice sessuale e blogger nelle scuole trentine.

Donne in Tandem: il ritorno del collettivo femminile e femminista

Donne in Tandem! L’idea dello spazio femminista “donne in Tandem” nasce da un’ispirazione avuta guardando al passato. Come si può leggere in “Tandem. 40 anni di radiofonia e informazione fuori dal coro“, il libro dedicato alla storia della nostra emittente, nel lontano ‘78 il gruppo di donne che frequentava e collaborava con l’allora Radio Popolare decise di dar vita ad un collettivo femminile/femminista, con trasmissioni ed appuntamenti dedicati a tematiche che per l’epoca erano molto “calde”: contraccezione, divorzio, aborto e tanto altro. Le donne finalmente avevano la possibilità di far sentire la loro voce, e noi oggi continuiamo sulla stessa linea.

L’assemblea femminista di Bolzano: il rapporto con il territorio

Riprendiamo il filo delle interviste: con Giorgia dell’Assemblea Femminista di Bolzano abbiamo parlato di femminismo, delle azioni femministe sul nostro territorio, di femminicidio con dati e numeri, delle trappole occulte dei media, di come sono rappresentate le donne nella nostra Provincia, e di molto altro.
Gli eventi citati da Giorgia sono organizzati da “Liscià donne che raccontano donne, progetto della cooperativa sociale OfficineVispa.

Pubblichiamo una rettifica di Giorgia riguardo il suo intervento ai nostri microfoni, ringraziandola per la correttezza: Rettifico un dato sbagliato che ho dato in trasmissione, dove ho detto che su 100 persone morte ammazzate in Italia, 80 sono donne. I dati esatti sono: su 100 persone morte ammazzate 38,6 sono donne e l’80 delle donne uccise conosceva il suo assassino, di solito partner, ex partner o persona conosciuta. (Fonte: Report Istat Vittime di omicidio anno 2018, uscito il 5 marzo 2020). Mi scuso con le ascoltatrici e gli ascoltatori e con la redazione di Radio Tandem.

Non una di Meno: collegamento con Daniela da Trento

Torniamo a collegarci telefonicamente con l’esterno: Daniela Tonolli di NUDM Trento interviene direttamente dal flash mob che “sostituisce” i cortei cancellati dal governo tramite il decreto per il contenimento del coronavirus. Un appello alle donne: siate lupe!

La violenza sulle donne e il lavoro del Centro Antiviolenza GEA

Marina Della Rocca, antropologa e ricercatrice presso UniBz, attiva presso l’associazione GEA che gestisce il Centro Antiviolenza di Bolzano, ci ha parlato del Centro di Ascolto Antiviolenza e della Casa delle Donne di Bolzano, con dati ed indicazioni. Dalla sua ultima ricerca abbiamo preso spunto per approfondire le condizioni, i problemi pratici ed emotivi delle donne immigrate quando cercano di uscire dalla violenza.

Cronache dal ciclo

Edizione speciale della rubrica “Cronache dal ciclo” in cui si parla del corpo delle donne, di peli e di standard estetici. Qualche riflessione, addirittura seria.

Il bellissimo disegno donatoci da Lea Lausch

La diretta per l’8 marzo è finita, ma non la lotta delle donne e l’impegno di Tandem -e della sua sezione femminista-! Non mancheranno certo occasioni per tornare a fare informazione ed eventi capaci di “dare voce a chi non ce l’ha!”

Inaugurazione dello spazio autogestito 77

Radio Tandem ha partecipato alla giornata di inaugurazione di Spazio autogestito 77 con una diretta sul posto. Dalle 10 alle 18 lo spazio al civico 77 di Via Dalmazia, a Bolzano, è stato aperto al pubblico per farsi conoscere dal quartiere e non solo: sarà luogo di numerosi appuntamenti e servizi, con un’assemblea aperta a tutti per decidere le attività dello spazio. Vi invitiamo a seguire la loro pagina Facebook, per ora il canale ufficiale per contattarli oltre ad andare di persona allo spazio.
Ma lasciamo che siano alcuni dei protagonisti di questo spazio a parlarci di cosa sarà “77”, intervistati da Sarah di Nanga Def e Till de La Musica Dentro. Potete trovare tutte le interviste, da scaricare e diffondere, a questo link.

Federica presenta Spazio77

La “scommessa” di 77: un’assemblea di associazioni e persone cui mancava uno spazio ha deciso di impegnarsi per creare un luogo che fosse aperto a tutti, autofinanziato e animato da volontari. Le prime reazioni del quartiere sono positive, non resta che cominciare con le attività! Lo spazio sarà infatti aperto in occasione di corsi, incontri e le assemblee pubbliche.
L’ambulatorio popolare a Spazio 77

Lo Spazio77 ha moltissime idee, ma per ingranare ha deciso di concentrarsi inizialmente su tre progetti: uno di questi è l’ambulatorio popolare. Leonardo, il medico che se ne occuperà, conferma come a Bolzano ci sia una situazione ben diversa da altri luoghi dove questi progetti operano, ma sia comunque importante aprire un presidio simile. Le prime date dello sportello saranno mercoledi 22 gennaio e martedì 28 gennaio, dalle 10 alle 12.
77: non solo un civico

Lo spazio si trova in Via Dalmazia 77, ma 77 rappresenta anche un anno significativo: Giuliano ci parla del 1977, anno di fermento in tutta Italia e così anche a Bolzano.
A fianco di chi attraversa la Rotta Balcanica – Aiuti solidali

Matteo invita a sostenere il progetto di una rete di associazioni e gruppi informali, impegnata in progetti ed iniziative di mutualismo, per testimoniare quanto avviene sulla “Rotta Balcanica”, il corridoio ormai militarizzato tra la Grecia, i balcani e l’Europa del nord. Su Facebook è possibile fare una donazione per sostenere il progetto e trovare materiali utili, altrimenti potete rivolgervi direttamente allo Spazio77!
And the Radio plays… in incognito!

Tandem non era presente solo con l’intervista: anche se in incognito, Jacopo di And the Radio plays era presente fin dalle prime ore dell’inaugurazione per mettere su qualche disco. Ai nostri microfoni racconta le sue impressioni della giornata, sicuramente molto partecipata.
Sonia, una voce del quartiere

Una nostra affezionata ascoltatrice e sostenitrice, Sonia, sull’apertura dello spazio.
Chiusura della diretta

A conclusione dell’inaugurazione arriva al termine anche la nostra diretta. Per questa giornata è stato l’ultimo intervento da Spazio77, ma Tandem conta di tornare!

Le attività di 77:

  • Corso gratuito di tedesco, livello D, con Scioglilingua: martedì e venerdì dalle 18 alle 19, per informazioni e iscrizioni telefonare a 338 1162275
  • Sportello informativo Refugees Welcome Italia – Bolzano/Bozen: giovedì, dalle 18 alle 19
  • Sportello medico popolare: mercoledì 22 e martedì 28 gennaio 2018, dalle 10 alle 12.

OCCUPATO – 40 anni dopo

Lunedì 16 dicembre i “vecchi occupanti” del Monopolio di Stato hanno consegnato all’attuale inquilina, la direttrice del Museion Letizia Ragaglia, l’edizione aggiornata del libro che racconta l’occupazione avvenuta quarant’anni fa.

Occupato “ex Monopolio” in via Dante-Str. 6 Besetzt
40 anni dopo – 40 Jahre danach

Dominikus ‘Kus’ Andergassen, Paolo ‘Crazy’ Carnevale e Martin Hanni hanno curato per le edizioni AlphaBeta questa nuova versione di un libricino andato esaurito decenni fa, aggiornando e ampliando i materiali in esso contenuti.

L’intervista a Dominikus ‘Kus’ Andergassen

Anche una piccola delegazione di Radio Tandem ha preso parte all’evento, approfittando dell’occasione per realizzare una breve intervista. L’emittente libera sudtirolese non ha solo vicinanza temporale con gli eventi del Monopolio – la Radio nasce a Oltrisarco nel 1977, il Monopolio viene occupato nel 1979 – ma le due storie si intrecciano, come racconta Andrea Maffei :

«Quello che mi piaceva in modo particolare della radio è che fungeva un po’ da punto di riferimento a un certo tipo di sinistra che si andava formando a Bolzano in quegli anni, e avrebbe portato all’esperienza del Monopolio e alla nascita di Neue Linke. […] La radio non era solo riunioni o trasmissioni ma anche un’officina dove era possibile realizzare qualcosa a livello cittadino. Si sentiva il profumo della ribellione, della libertà… e più di tutto il sogno… credevamo davvero che avremmo potuto cambiare tantissimo».

Andrea Maffei intervistato da ‘Crazy’ in “Tandem. 40 anni di radiofonia e informazione fuori dal coro”